Buongiorno a tutti, dopo un periodo fresco e con qualche temporale di 3-4 giorni, a partire da oggi si apre una nuova fase anticiclonica, che ormai di 10 anni a questa parte significa anticiclone sub tropicale. Temperature massime che potrebbero spingersi a tratti fino a 38-41°C e belle giornate la faranno da padrone almeno fino alla prossima domenica, l’unica “fortuna”, almeno per i settori adriatici sarà la ventilazione che si manterrà quasi sempre settentrionale che non permetterà alle temperature di raggiungere valori elevatissimi, discorso diverso sui settori ionici e interni dove al contrario con questo tipo di ventilazione le temperature saranno più alte con punte di 37-40°C.

Ecco alcune mappe:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

come possiamo vedere il campo anticiclonico inizia ad espandersi verso est fino ad arrivare sui Balcani, mentre l’Europa centro-settentrionale continuerà a vivere una fase fresca e perturbata.

Ecco la situazione a 850hPa:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

come possiamo vedere la +20 a 1500mt si spinge molto ad est tra centro-sud Italia ed est Europa con temperature ben oltre la media del periodo, discorso diverso su Europa centro-settentrionale che continuerà a vivere una lunga fase fresca ed instabile con frequenti temporali come da inizio estate.

Ecco la situazione verso fine settimana a 500hPa:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

come possiamo vedere l’hp guadagna terreno verso nord coinvolgendo anche il nord Italia.

Ecco la situazione 850hPa:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

come possiamo vedere le temperature a 1500mt si spingeranno fino a 23-25°C con massime sui 35°C e punte di 38-40°C sulle zone interne.

Questa la situazione dei venti previsti:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

come possiamo vedere i venti si manterranno quasi sempre dai quadranti settentrionali  di debole-moderata intensità, e come abbiamo detto in precedenza, tutto questo non permetterà alle temperature di raggiungere valori molto elevati lungo tutta la fascia adriatica e sulle zone del primo entroterra, discorso diverso sulle zone più interne che non risentiranno dell’azione del maestrale e sulle zone ioniche con un leggero effetto di ricaduta con temperature vicine a 38-40°C.

Ai prossimi aggiornamenti

Graziano Patruno

Di admin